MFA
Andrea Delmonte

MFA: nuove funzionalità

Da alcuni mesi Microsoft ha rilasciato in Public Preview nuove feature MFA disponibili sia per gli utenti che utilizzano passwordless authentication, sia per quelli che utilizzano MFA standalone e integrata con Conditional Access.

Number Matching

La corrispondenza dei numeri può essere configurata per tutti gli utenti oppure essere attivata ad un gruppo, che può essere anche dinamico o sincronizzato localmente, oltre ai classici gruppi Microsoft 365.

Quando un utente, ad esempio, risponde a una notifica push MFA usando Microsoft Authenticator, verrà visualizzato un numero. Per completare l’approvazione, è necessario digitare tale numero nell’app.

User experience
Pop-up nel browser
Microsoft Authenticator

Con questo metodo, l’autenticazione richiederà maggiore attenzione da parte dell’utente finale, riducendo anche la possibilità che gli utenti approvino accidentalmente una richiesta MFA tramite una notifica PUSH, semplicemente premendo “Approva”.

MFA Additional Context

Anche questa feature può essere configurata per tutti gli utenti oppure essere attivata su un gruppo specifico.

Quando un utente tenta l’accesso tramite telefono passwordless o tramite una notifica push di MFA nell’app Authenticator, vedrà il nome dell’applicazione a cui si sta connettendo e la posizione di accesso (in base al proprio IP).

User Experience
Nel browser
Microsoft Authenticator

Come abilitare Number Matching e Additional notification sul portale Azure:

  • Collegarsi al portale Azure AD -> Security Tab
AAD / Security
  • Cliccare su Authentication methods
AAD / Security / Authentication methods
  • Cliccare su Microsoft Authenticator
Configurare le features di Microsoft Authenticator
  • Selezionare i 3 pallini di fianco “All Users”, oppure aggiungere il gruppo specifico con all’interno gli utenti a cui verranno abilitate le nuove feature -> Configure
Microsoft Authenticator settings
  • Nel Tab che appare, abilitare le due feature “Require number matching (Preview)” e “Show additional context in notifications (Preview)”.
Configure Authentication methods

Queste due nuove funzioni possono essere attivate insieme, collaborando attivamente per garantire un maggiore controllo sull’accesso degli utenti finali.

User experience

Attualmente sono entrambe in preview, è previsto il loro rilascio in GA nei prossimi mesi.

E per leggere gli altri articoli su security:

https://www.yooda.tech/blog/category/security/

Don't stop there, read more

Pacho Baratta

Protezione di M365 con Quest

Gestire e proteggere il cloud è diventato un punto focale nella vita del personale IT. Microsoft mette a disposizione strumenti incredibili per migliorare l’operatività degli utenti, ma anche gli strumenti per la gestione di ambienti sempre più complessi. Da amministratore IT sono spesso piacevolmente stupito dalla semplificazione degli strumenti e dalla facilità con cui riesco…

Roberto Antonioli

Gestisci, limita e monitora gli accessi con Azure AD PIM

Privileged Identity Management (PIM) è un servizio che permette di gestire, controllare e monitorare l’accesso a risorse importanti nell’organizzazione.

Andrea Delmonte

Attack simulation training

E’ possibile usare Attack Simulation Training nel portale di Microsoft 365 Defender per eseguire scenari di attacco realistici all’interno della propria organizzazione. Questi attacchi simulati consentono di identificare e individuare gli utenti vulnerabili prima che un attacco reale colpisca la nostra infrastruttura.