Photo by Alvaro Reyes on Unsplash
Pacho Baratta

Protezione di M365 con Quest

Gestire e proteggere il cloud è diventato un punto focale nella vita del personale IT. Microsoft mette a disposizione strumenti incredibili per migliorare l’operatività degli utenti, ma anche gli strumenti per la gestione di ambienti sempre più complessi. Da amministratore IT sono spesso piacevolmente stupito dalla semplificazione degli strumenti e dalla facilità con cui riesco ad ottenere risultati impossibili da pensare ancora pochi anni fa; basti pensare ad esempio alla console di amministrazione di Teams, che riassume la possibilità di gestire utenti devices, ma anche configurazioni di conferencing o di telefonia.

Microsoft ha inoltre lavorato per proporre una suite di sicurezza di primo piano, unico vendor a proporre una soluzione di sicurezza multicloud.

Ma non solo. uno dei punti di forza di Microsoft è da sempre il vasto ecosistema di partner e vendor che negli anni ha teso a costruire intorno a se, che permettono di allargare, migliorare ed approfondire l’offerta.

Quest si inserisce da sempre in questo solco; se inizialmente abbiamo iniziato a conoscere ed apprezzare Quest per gli strumenti volti alla migrazione verso Exchange, negli ultimi anni l’attenzione si è spostata soprattutto nella proposizione di strumenti volti a migliorare e semplificare processi di management e di rafforzamento della sicurezza.

Alessio Lo Turco, nel recente webinar tenuto durante la Modern Workspace Week, che abbiamo realizzato insieme ad Ayno, ci ha parlato di alcuni elementi della proposizione Quest, tra cui spiccano Bloodhound Enterprise, AD Disaster Recovery e la On Demand Audit Suite for O365.

La registrazione dell’evento si trova a questo indirizzo:

Per altri articoli legati alla sicurezza:

Yooda | Blog | Security – Yooda

Don't stop there, read more

Roberto Antonioli

Gestisci, limita e monitora gli accessi con Azure AD PIM

Privileged Identity Management (PIM) è un servizio che permette di gestire, controllare e monitorare l’accesso a risorse importanti nell’organizzazione.

Andrea Delmonte

Attack simulation training

E’ possibile usare Attack Simulation Training nel portale di Microsoft 365 Defender per eseguire scenari di attacco realistici all’interno della propria organizzazione. Questi attacchi simulati consentono di identificare e individuare gli utenti vulnerabili prima che un attacco reale colpisca la nostra infrastruttura.

Andrea Delmonte

Windows Autopatch

Windows Autopatch consentirà di assumere il controllo delle operazioni di quality e security patching, inclusi gli aggiornamenti delle funzionalità del sistema operativo Windows e gli aggiornamenti dei driver, firmware e le app Microsoft 365